Springe direkt zu Inhalt

Chi siamo

Care amiche e cari amici dell’Italienzentrum (Centro Studi Italia),

ci auguriamo che voi e le persone a voi vicine abbiate passato bene gli ultimi tre semestri, e ringraziamo tutti coloro che hanno seguito con grande interesse i nostri eventi trasmessi digitalmente. Siamo felici di potervi comunicare che probabilmente saremo di nuovo in grado di offrire eventi in presenza nel semestre invernale, tuttavia la situazione riguardante la pandemia rimane dinamica, dunque vi preghiamo di visualizzare la modalità (in presenza, ibrida o virtuale) prevista per ogni evento sul nostro sito www.fu-berlin.de/italienzentrum. Comunicheremo lì tutti gli aggiornamenti poco prima degli eventi. Nel sito saranno inoltre consultabili le misure di protezione COVID 19 valide per ogni evento – attualmente (settembre 2021) si applica la cosiddetta “regola delle 3G” (vaccinati, guariti, testati con rispettiva prova certificata [no autotest]), l’obbligo della mascherina (nei nostri eventi FFP2) e la documentazione di presenza. Per ricevere regolarmente gli inviti ai singoli eventi e per essere automaticamente informati sui cambiamenti, potete anche iscrivervi alla nostra newsletter sul sito web riportato sopra. Come nota positiva, siamo felici che la trasmissione digitale dei nostri eventi negli ultimi semestri abbia attirato un gran numero di persone interessate, molte delle quali non avrebbero potuto partecipare all'evento di persona. Continueremo volentieri a dare a questo pubblico la possibilità di seguire i nostri eventi in modo digitale e di partecipare virtualmente alla discussione.

Siamo lieti di aprire il nostro programma del semestre invernale il 25 ottobre con un contributo dell'Ambasciatore italiano S.E. Armando Varricchio e ringraziamo come sempre l'Ambasciatore e l'Ambasciata Italiana per il loro generoso e affidabile sostegno.

Un altro grande ringraziamento va alla Prof.ssa Maria Carolina Foi e al suo team dell'Istituto Italiano di Cultura Berlino per la loro continua buona collaborazione con il nostro Centro Studi Italia, anche nelle condizioni difficili dettate dalla pandemia. Il Centro Studi Italia è stato fondato nel 1996, quindi quest‘anno ricorrono i 25 anni di collaborazione con i nostri partner italiani, e siamo felicissimi di festeggiare insieme le nostre "nozze d'argento" all'inizio di dicembre con un pomeriggio di studio, frutto della collaborazione tra il Centro Studi Italia e l’Istituto Italiano di Cultura, che sarà dedicato alla ricezione e alle traduzioni delle opere di Dante in Germania.

Quest‘anno siamo anche lieti di poter celebrare insieme all'Istituto Italiano di Cultura la "Settimana della Lingua Italiana", che sarà all’insegna dell‘anniversario di Dante, con le conferenze di due dei nostri membri del Comitato Scientifico: il 18 ottobre, il Prof. Dr. Lorenzo Filipponio parlerà di "Dante in tre parole: etimologia e storia". Due giorni dopo, la Prof.ssa Dr. Annette Gerstenberg e le sue colleghe Eman El Sherbiny Ismail e la Dr. Marta Lupica Spagnolo illustreranno il "Linguaggio degli altri: Atteggiamenti linguistici in Dante - e oggi".

In occasione del centenario della nascita dello scrittore siciliano Leonardo Sciascia, i colleghi di Potsdam e il membro del nostro Comitato Scientifico Prof.ssa Dr. Cornelia Klettke organizzano per il 4 novembre una giornata internazionale di studio dedicata allo "sguardo" di questo intellettuale “scomodo" sulla realtà.

Sempre in collaborazione con l'Università di Potsdam, questa volta con il membro del nostro Comitato Scientifico Prof.ssa Dott. Annette Gerstenberg e il suo team, il 9 novembre daremo il benvenuto alla linguista Prof.ssa Federica Guerini dell'Università di Bergamo, che terrà una conferenza su "La commutazione di codice come strategia narrativa nel corpus ParVa" ("ParVa" sta per Partigiani Val Camonica e la raccolta così designata consiste in interviste semi-strutturate a 24 ex combattenti della resistenza).

Altri due ospiti tratteranno il tema dei dialetti italiani da prospettive diverse: il 25 novembre, la professoressa Patrizia Del Puente, che ben dieci anni fa ha pubblicato un Atlante linguistico della Basilicata in due volumi, presenterà un progetto analogo per i dialetti lucani. Il 9 dicembre, la traduttrice Annette Kopetzki di Amburgo affronterà la questione di come il dialetto nella letteratura italiana possa essere tradotto in tedesco.

Quelli di voi che si sono chiesti almeno una volta come funziona la questione del genere in italiano, sono caldamente invitati all’incontro con Vera Gheno il 13 gennaio. La linguista presenterà gli ultimi sviluppi e le discussioni su questo tema nella conferenza dal titolo "Ministra è come maestra. Le discussioni linguistiche sul genere in Italia".

 

Altri risultati della nostra intensa collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura sono, da un lato, l'incontro con lo scrittore Mario Desiati, che vivrà e lavorerà a Berlino per un mese come “artista residente” dell'Istituto Italiano di Cultura. D'altro lato, dal 29 al 30 novembre avrà luogo un convegno internazionale sul centenario della nascita del poeta Andrea Zanzotto dal titolo "Zanzotto europeo, la sua poesia di movimento", organizzato dall'Istituto Italiano di Cultura di Berlino in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Parigi e il Centro Studi Italia.

Nella nostra sezione Storia dell’arte e archeologia, il professor Gabriele D'Autilia presenterà il 14 dicembre la cultura della fotografia analogica e digitale in Italia, concentrandosi sulle varie forme di (auto)rappresentazione - di chi scatta e di chi viene fotografato, ma in definitiva anche della società. Nell'ambito della nostra fruttuosa collaborazione con l'Istituto di Archeologia Classica della Freie Universität Berlin, il 17 gennaio daremo poi il benvenuto al professor Luigi Maria Caliò, che, sulla base degli ultimi risultati degli scavi di Agrigento, presenterà lo sviluppo di questa città siciliana nell'antichità.

Anche in questo semestre invernale, l’avvocatessa Dr. Cecilia Carrara presenterà gli ultimi sviluppi del diritto societario italiano in collaborazione con il nostro membro del Comitato Scientifico Prof. Dr. Christian Armbrüster. Siamo inoltre particolarmente felici che la dottoressa Carrara abbia anche avviato un workshop internazionale sulla comparazione dei procedimenti arbitrali in Italia e in Germania con l'Associazione Italiana Arbitri e l'Istituzione Tedesca di Arbitrato, al quale siete caldamente invitati il 16 novembre.

Ringraziamo il nostro docente ospite di diritto Dr. Fernando D'Aniello per averci proposto di invitare il filosofo del diritto Prof. Mario G. Losano per due contributi che avranno luogo nel mese di febbraio: Il 7 febbraio il Prof. Losano presenterà le tesi della sua monografia "Le tre costituzioni pacifiste: Il rifiuto della guerra nelle costituzioni di Giappone, Italia e Germania" e il giorno seguente presenterà un contributo nella sezione degli eventi dell'Istituto Italiano di Cultura.

 

Celebreremo la fine del semestre invernale il 25 febbraio con un workshop sui Trionfi di Francesco Petrarca, il grande testo narrativo in terzine con cui il "padre dell'umanesimo" voleva rivaleggiare con Dante. Un gruppo internazionale di esperti sta attualmente lavorando a un nuovo commento del testo di Petrarca. L'evento è concepito come una discussione o un dibattito pubblico all’interno di un workshop con tutti i partecipanti.

 

Non vediamo l'ora di darvi nuovamente il benvenuto nel semestre invernale, di persona o digitalmente.

 

Nel frattempo vi auguriamo buone cose e salutiamo cordialmente.

 

Bernhard Huss e Sabine Greiner