Springe direkt zu Inhalt

17.02, 19.00 via Zoom: La Commedia di Dante: il "visibile parlare" e il teatro della memoria. Interviene Lina Bolzoni

News vom 16.02.2021

Il ciclo "Dante e il visuale" curato da Michele Cometa prende l’avvio il 17 febbraio alle ore 19.00 via Zoom con una studiosa di rango internazionale: Lina Bolzoni. 

La Commedia di Dante: il "visibile parlare" e il teatro della memoria.
Interviene Lina Bolzoni (Scuola Normale Superiore di Pisa)
Moderazione: Michele Cometa (Università di Palermo)

17 febbraio alle ore 19.00
On-line via Zoom cliccando a >>>questo link
In lingua italiana con traduzione simultanea

Il poema di Dante è per molti aspetti fortemente visivo: vuole 'far vedere' al pubblico il viaggio nell'aldilà e così renderlo partecipe della trasformazione interiore del Dante pellegrino. Per questo Dante usa spesso termini tratti dalle arti figurative e nel Purgatorio parla del 'visibile parlare' di Dio. Grazie anche al potere delle immagini il poema diventa un grande teatro della memoria. La fortuna visiva del poema è ricchissima: si mostrerà qualche esempio, in particolare relativo a Paolo e Francesca da Rimini.

Lina Bolzoni, professoressa emerita di Letteratura italiana della Scuola Normale Superiore di Pisa e Global Distinguished Professor di New York University, è socia nazionale dell'Accademia dei Lincei e fellow della British Academy. Ha curato per l'Istituto dell'Enciclopedia italiana il volume La Commedia di Dante nello specchio delle immagini (2021).

Il ciclo di incontri si svolge in collaborazione con il Gabinetto delle Stampe dei Musei Statali di Berlino, il quale presenterà a partire dal 2 giugno la mostra "Höllenschwarz und Sternenlicht. Dantes Göttliche Komödie in Moderne und Gegenwart".

Per ulteriori informazioni sull'anno dantesco vedi qui.

3 / 8